Mio caro vicino IN PREPARAZIONE

20,00 CHF
SKU: 824
Conrad Ferdinand Meyer - Gottfried Keller
ISBN
978-88-8281-497-7
Anno
2018
 Torna a: I Cristalli

Corrispondenza

A cura di Mattia Mantovani

Formato 12.5 x 21 cm, 160 pagine

Per quanto facciano parte, insieme a Jeremias Gotthelf, della cosiddetta “triade” dei classici della letteratura svizzera tedesca dell’Ottocento, è difficile pensare a due scrittori più diversi di Gottfried Keller e Conrad Ferdinand Meyer. Gli unici punti di contatto sono le origini zurighesi, il realismo narrativo e una spiccata tendenza alla solitudine, che però in Keller è il prodotto di un carattere burbero e scontroso mentre in Meyer è la conseguenza di un profondo disagio psichico ed esistenziale. Date queste premesse, un dialogo sembrerebbe semplicemente impossibile. E invece il carteggio tra Keller e Meyer, proposto in questo volume per la prima volta in versione italiana, nasce proprio da queste differenze che si compongono in una sorta di vicina lontananza, fatta di ritrosie, confessioni, reciproche richieste di aiuto e sostegno.
Quello che si profila è uno spaccato molto preciso e per molti versi inedito e sorprendente della vita dei due scrittori. Completano il volume due scritti di Meyer su Keller: il breve ma toccante necrologio apparso sulla Neue Zürcher Zeitung due giorni dopo la morte e uno scritto più lungo e meditato, redatto ad alcune settimane di distanza su richiesta di una rivista letteraria tedesca.

Gottfried Keller (Zurigo, 1819-1890) è stato uno dei più grandi scrittori di lingua tedesca dell’Ottocento. Tra le sue opere meritano di essere ricordati il monumentale romanzo Enrico il Verde (1854-55, 1880) e i cicli narrativi La gente di Seldwyla (1856-1874) e Novelle zurighesi (1877). Il suo secondo e ultimo romanzo, Martin Salander (1886), è stato tradotto e pubblicato in questa collana nel 2011.

Conrad Ferdinand Meyer (Zurigo, 1825 - Kilchberg, 1898) è stato autore di romanzi storici, novelle e cicli poetici. Tra le sue opere più celebri: Gli ultimi giorni di Hutten (1871), L’amuleto (1873), Jürg Jenatsch (1876) e Il santo (1880, pubblicato in questa collana nel 2000). Le sue poesie vengono annoverate tra gli esiti più alti della lirica di lingua tedesca dell’Ottocento.